Via del Faggio, 111 • 97100 Ragusa (RG)
+39 320 8477577

Vera Sorrentino: il sound design è creatività allo stato puro

Il mio compito è far sposare un ambiente acustico con un colonna sonora, ed è questa la parte più creativa ed emotiva di questa professione

Una passione in comune scoperta durante la sessione di studi del corso in Musica e Nuove Tecnologie al Conservatorio ‘V.Bellini’ di Catania è servita da apripista al nuovo rapporto professionale e musicale che nel volgere di breve tempo si sarebbe rinsaldato nella allora neo costituita Shine Records di Giovanni Dall’O’. A condividere il progetto, è stata Vera Sorrentino.
“Nel volgere di poco tempo l’idea iniziale è diventata una palestra musicale. – spiega Vera – Abbiamo come prima cosa, nel lontano 2006, implementato la strumentazione e abbiamo cominciato a compiere tantissimi lavori con l’obiettivo primario di farci conoscere e soprattutto avere la possibilità di fornire quante più informazioni possibili sulla nostra professionalità. Una lunga gavetta che ci ha formato. Siamo andati avanti per tentativi ed errori, ma questo ci ha temprato, valorizzando al meglio la nostra professionalità. Ma dopo tanti sforzi, oggi mi occupo, principalmente e finalmente, di sound design e sono tecnico editing, entrambe sono le mie specializzazioni.

Il sound design cura gli effetti sonori e il cosiddetto rumorismo. L’editing audio consente di lavorare sulla modifica del suono in base alle necessità, dunque adattamento delle musiche rispetto le esigenze di un regista cinematografico piuttosto che teatrale, o di un team di sviluppo di un videogioco o per un’accademia di danza. E’ un lavoro di manipolazione emozionante e suggestivo che mi prende in modo viscerale, anche perché si sa bene l’obiettivo che dobbiamo centrare ma non il percorso da compiere per arrivarci. Dunque tutto diventa innovativo, suggestivo, avvincente e di grande impatto quando l’obiettivo viene raggiunto. Dall’esterno potrebbe apparire un lavoro pratico, ma invece è molto creativo, grazie al costante approccio alle nuove tecnologie. Ma si badi bene, è fondamentale avere una formazione musicale tradizionale, che ho acquisito studiando pianoforte, solfeggio e armonia. Il mio compito – conclude Vera – è far sposare un ambiente acustico con un colonna sonora, ed è questa la parte più creativa ed emotiva di questa professione”.